Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

E’ l’atleta del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, Piero Rosario Suma a finire sugli scudi nella prima giornata del Japan Para-Badminton International, test event in vista delle paralimpiadi di Tokyo 2020.

 

L’azzurro ha sconfitto con un doppio 21-19 l’indiano Ramanjaneyulu Boya tenendo vive le possibilità di qualificarsi al tabellone principale.

 

Complicati invece gli altri match di giornata che vedevano gli altri due azzurri opposti alle principali teste di serie. Yuri Ferrigno ha ceduto in due set (21-8; 21-11) al giapponese Maruyama mentre Rosa Efomo De Marco è stata superata sempre in due set (21-5; 21-4) dalla cine Qiuxia Yang, testa di serie numero due del seeding.

 

Fermati anche i due doppi maschile con Ferrigno in coppia con l’indiano Boya sconfitti sia dai thailandesi Chatchai/Sumpradit che dai coreani Choi/Kim mentre Suma in coppia con il canadese Bilenki è stato superato dai giapponesi Kajiwara/Murayama.

 

Link del Torneo: http://www.tournamentsoftware.com/sport/matches.aspx?id=D191C226-489B-41A0-8085-59D69CB33DAF&c=ITA

 

 

 

 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });