Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Si è conclusa oggi per gli atleti Azzurri Alessandro Bernardi, Roberto Punzo e Pietro Suma, l’esperienza a Tokyo, che nel 2020 ospiterà la prima Paralimpiade in cui il Para-Badminton sarà presente nel programma di gare, in un torneo, l’Hulic - Daihatsu Japan ParaBadminton International 2017, che ha registrato la più alta partecipazione di atleti nella storia di questo sport.

 

“Ricorderemo con soddisfazione questo torneo - ha sottolineato Roberto Punzo -, soprattutto per aver disputato la prima partita di doppio maschile nella storia del Para-Badminton italiano. Sono atti fondativi, pionieristici, passi concreti e necessari affinché la promozione dell’attività sportiva per le persone con disabilità non sia un modo di dire ma un modo di fare. Ringrazio per questo la Federazione, il Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, l’Esercito che mi sostiene e Alessandro Bernardi che, con il suo generoso impegno personale, ha reso possibile l’esordio nazionale nella competizione del doppio maschile”.

 

“La mia esperienza precedente come atleta di tennis a livello internazionale mi ha portato a capire che il Para-Badminton è un nuovo orizzonte dello sport per disabili - le parole di Alessandro Bernardi - infatti si adatta alle disabilità più diverse, ottimo come sport propedeutico anche per i più giovani”.

 

“Potermi confrontare subito anche con il campione del mondo in carica è stata una soddisfazione unica - ha dichiarato Pietro Suma - e sarà sprone per il mio futuro in questa disciplina”.

 

“Abbiamo classificato a livello internazionale due nuovi atleti - ha evidenziato il Tecnico Federale Enrico Galeani - possiamo e dobbiamo provare a crescere in vista della prima paralimpiade. Le partite giocate hanno finalmente mostrato che ci sono effettivamente le basi per lavorare con maggiore intensità e secondo pianificazione mirata. Questo è evidentemente il frutto di un’attività che in Italia si sta sviluppando sul territorio. Con la Federazione, guardo fiducioso ai vertici dello sport paralimpico affinché questo nuovo movimento possa uscire dalla fase embrionale e crescere”.

 

Risultati degli Azzurri: http://www.tournamentsoftware.com/sport/matches.aspx?id=C54AF342-9213-452F-AA5A-386E6EED6BA3&c=ITA

 

(Photo: La nazionale con il Presidente del Para-Badminton del Giappone)

 

 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });